Ecco qui un dolce al cucchiaio vincitore del primo premio del concorso ‘Vinci il tuo peso in cioccolato’ offerto da Il Resto del Carlino per la decima edizione del Cioccoshow di Bologna, da servire a temperatura ambiente dopo i pasti ottimo per chi è sempre a dieta o per chi deve o vuole moderare l’utilizzo dello zucchero poiché in questa ricetta non se ne fa uso ma si sfrutta il potere dolcificante della zucca, volendo se ne può realizzare anche una versione per vegani sostituendo il latte della crema al cioccolato con  altro ingrediente non di provenienza animale (latte di riso, latte di soia, latte di mandorla, ecc).

Ingredienti per la crema alla Zucca

  • 250 g di zucca pulita
  • 250 g di latte di riso o d’avena
  • la scorza intera di mezzo limone
  • 1/2 cucchiaino di vaniglia
  • 1 pizzico di cannella
  • 1 cucchiaio abbondante di uvetta
  • 1 pizzico di sale marino integrale
  • 1 cucchiaino raso di agar agar

Ingredienti per la crema al cioccolato

  • 2 mele
  • 150 g di cioccolato fondente 60%
  • 180 ml di latte parz.scremato
  • 40 g di nocciole intere o già macinate
  • Granella di nocciole per guarnire
  • Piccoli vasettini di vetro trasparente monoporzione (in mancanza puoi utilizzare anche dei bicchieri abbastanza alti)

Procedimento per la crema alla zucca:

Prendi tutti gli ingredienti della crema alla zucca eccetto l’agar agar e mettili dentro un pentolino quindi, a fuoco lento, porta ad ebollizione e cuoci per 10 minuti continuando a mescolare poi aggiungi l’agar agar e cuoci per altri 5 minuti sempre continuando a mescolare per evitare la formazione di grumi. Ora spegni il fuoco e togli la scorza di limone, metti a riposare la crema alla zucca e procedi con la preparazione della crema al cioccolato.

Procedimento per la crema al cioccolato:

Prendi le nocciole macinate (nel caso le avessi intere puoi usare tranquillamente un tritatutto), la macinatura deve essere molto fine, quasi una farina senza esagerare per non far fuoriuscire l’olio contenuto nelle nocciole, prendi le mele e dopo averle lavate, tagliate e ovviamente aver tolto il torsolo ma non sbucciate riducile in purea, metti la purea in un pentolino insieme alla farina di nocciole, il cioccolato a pezzettini e il latte e cuoci per 10 / 15 minuti a fuoco lento mescolando bene per evitare la formazione dei grumi, nel caso dovessero formarsi dei grumi puoi usare il minipimer. Quando pronta spegni il fuoco e lascia raffreddare.

Comporre il vasetto:

La composizione è molto semplice, quello che dovrai fare sarà creare in tutto 3 strati con le due creme divise dalla granella di nocciole, ti consiglio di non fare strati troppo alti ma consentire a chi lo mangerà di poter affondare il cucchiaio fino in fondo al bicchiere/vasetto e poter gustare le due creme e la granella di nocciole contemporaneamente, comincia a mettere sul fondo del vasetto o del bicchiere un po’ di granella di nocciole, fai il primo strato con la crema al cioccolato, copri con della granella di nocciole, ora per il secondo strato metti la crema di zucca e ricopri con altra granella di nocciole, concludi il terzo strato con la crema di cioccolato e per finire copri con la granella di nocciole, ecco il dolce pronto per essere servito :).

Cos’è l’Agar-agar

L’agar-agar (in Giappone viene chiamato Kanten) è un gelificante naturale completamente vegetale ricavato da alghe rosse, ottimo sostituto della colla di pesce adatto per addensare marmellate, dessert, budini ecc, ha un alto potere gelificante (per un litro d’acqua bastano pochi grammi), non altera in nessun modo il sapore degli alimenti e non ha nessun impatto calorico quindi fondamentale per ricette a basso contenuto calorico.

Primo premio ‘Vinci il tuo peso in cioccolato’

Ecco di seguito tutte le foto e il video della premiazione al Cioccoshow di Bologna 2014 per questa ricetta 😀

Ps: Dato che il primo premio era appunto “vinci il tuo peso in cioccolato” ho pensato di inviare la ricetta con il nome di mio fratello che pesa 25Kg in più di me, così adesso ho in dispensa non 55Kg ma bensì 80Kg 😀

 

Last edit:

 
 

Non ci sono ancora commenti, inizia tu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *